un'ora di guardia

per fermare la legge Cirinnà

UN'ORA DI PREGHIERA PER FERMARE IL DDL CIRINNà

Il Disegno di legge sulle cosiddette unioni civili arriverà in Aula al Senato il 26 gennaio, dopo mesi di braccio di ferro all'interno della Commissione Giustizia, dopo il rinvio ottenuto grazie alla resistenza di piazza, culturale e politica portata avanti negli ultimi mesi da tanti singoli e associazioni, ma come cattolici possiamo e dobbiamo fare di più. 

Sappiamo che questa non è una semplice lotta politica, è una battaglia escatologica delle forze del Bene contro quelle del Male “La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti” ecco perché occorre che ci prepariamo per combattere insieme e combattere in ginocchio. 

Ci sia da esempio quanto accaduto da poco nella vicina Slovenia, che con il referendum abrogativo di domenica 20 dicembre 2015 ha cancellato la legge approvata solo lo scorso marzo che regolava l'istituto della famiglia nel Paese e che ammetteva appunto matrimoni e adozioni di coppie dello stesso sesso. Una vittoria ottenuta certamente con un lavoro culturale di informazione capillare, con la resistenza di piazza, ma anche – come hanno raccontato gli sloveni in diverse interviste - con la preghiera strutturata, organizzata e costante. 

Possiamo lasciare inutilizzata questa potentissima arma? 

No. Ecco perché dal 5 al 26 gennaio e per i tre giorni della discussione del testo (ovvero fino al 30 gennaio) siamo chiamati in modo speciale a pregare per questa intenzione. Come? 

Scegliendo la nostra Ora di Guardia e impegnandoci a pregare per 60 minuti, da soli o in compagnia, in Chiesa o in qualsiasi altro luogo, iniziando con l’invocazione che trovate su questo sito per fermare il ddl sulle cosiddette unioni civili. 

In compagnia di Maria, di San Giuseppe e dei Santi, grazie all’intercessione dei quali ogni cosa ci può essere accordata da Dio se è secondo la Sua Volontà e per il Bene del suo popolo. 

Scegliamo la nostra Ora dunque, e invitiamo a pregare anche i nostri amici e conoscenti, altrimenti ogni sforzo umano non porterà frutto. Dice infatti il Salmo 26 “invano si affannano i costruttori se il Signore non custodisce la città”. 

Se preghiamo con fede, con perseveranza e chiediamo nel nome di Gesù, ogni cosa ci verrà concessa: “In verità vi dico: se due di voi, sopra la terra si accorderanno per domandare qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli ve la concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro “. (Mt. XVIII, 19) 

A noi la battaglia, a Dio la vittoria!

Combattere con la preghiera

Il Disegno di legge sulle cosiddette unioni civili arriverà in Aula al Senato il 26 gennaio dopo il rinvio ottenuto grazie alla resistenza di piazza, culturale e politica portata avanti negli ultimi mesi, ma come cattolici possiamo e dobbiamo fare di più.

DI COSA SI TRATTA

Non una semplice lotta politica. “La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti"

Scegli la tua Ora di Guardia

Impegnati a pregare per 60 minuti, da solo o in compagnia, in Chiesa o in qualsiasi altro luogo, iniziando con l'invocazione per fermare il ddl sulle cosiddette unioni civili.

UNA PROMESSA

“In verità vi dico: se due di voi, sopra la terra si accorderanno per domandare qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli ve la concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro “.

COME FUNZIONA

L’Ora di guardia è il momento in cui ciascuno di noi scende in campo con l’arma più potente a nostra disposizione: la preghiera. E’ il momento in cui riconosciamo che non c’è battaglia culturale, politica, umana, che non sia parte della lotta del Bene contro il Male.

“La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti. Prendete perciò l’armatura di Dio, perché possiate resistere nel giorno malvagio e restare in piedi dopo aver superato tutte le prove. State dunque ben fermi, cinti i fianchi con la verità, rivestiti con la corazza della giustizia, e avendo come calzatura ai piedi lo zelo per propagare il Vangelo della pace. Tenete sempre in mano lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutti i dardi infuocati del maligno; prendete anche l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito, cioè la parola di Dio. Pregate inoltre incessantemente con ogni sorta di preghiere e di suppliche nello Spirito, vigilando a questo scopo con ogni perseveranza e pregando per tutti i santi, e anche per me, perché quando apro la bocca mi sia data una parola franca, per far conoscere il mistero del Vangelo, del quale sono ambasciatore in catene, e io possa annunziarlo con franchezza come è mio dovere.“Lettera agli Efesini (6, 11-20)

L’Ora di Guardia è il pezzettino della battaglia che noi ci prendiamo carico di condurre in prima persona, con tutti i nostri limiti e le nostre piccolezze ci mettiamo in ginocchio per chiedere a Maria, Gesù e tutti i Santi l’intercessione affinché fermino un progetto di legge contro la società, contro la famiglia e quindi contro l’uomo.

L’Ora di Guardia richiede disciplina, fedeltà, responsabilità nei confronti dei fratelli della comunità, richiede l'impegno della vigilanza e della perseveranza, ma i nostri poveri sforzi saranno armi potentissime nelle mani di Dio. Ciascuno di noi è chiamato a farsi carico di 60 minuti di lotta affinché, unendo la propria Ora a quella di tanti altri fratelli, giorno e notte ci sia qualcuno che preghi per questa speciale intenzione, 24 ore su 24.

Perché non una preghiera spontanea? La preghiera libera è importante per noi stessi perché ci aiuta a sviluppare un rapporto autentico con Cristo vivo, è disegnata sulla nostra persona e sulla nostra giornata, ma non è alternativa alla preghiera strutturata e comunitaria. Le due possibilità si nutrono a vicenda, poiché è proprio l’amicizia con Cristo che viviamo nella preghiera spontanea a farci sentire quanto la preghiera con i fratelli sia preziosa e potente agli occhi di Dio. 

Come funziona? Il primo passo è scrivere il proprio nome in corrispondenza della data e dell’orario in cui intendiamo pregare. Nella tabella qui sotto troverete una colonna con gli orari e una riga con i giorni del mese di gennaio. Nell’ora scelta ci impegniamo a pregare da soli o insieme ad altri, a casa o in Chiesa, recitando il Rosario, una novena o in qualunque altro modo. Non ci sono limiti nella modalità se non l’impegno ad aprire la nostra ora di guardia con l’invocazione per fermare il DDL sulle cosiddette unioni Civili (che trovate nella nostra home page ) e tenere fede al tempo di 60 minuti.

In vista dei giorni della discussione sfoderiamo l’artiglieria pesante: il digiuno. Sappiamo che è un’arma formidabile per chiedere e ottenere da Maria tante tante grazie, quindi invitiamo tutti a farlo, naturalmente ciascuno secondo le proprie possibilità, ma nella certezza che il Padre sarà mosso a tenerezza di fronte ai suoi figli che fanno delle rinunce per Lui e per un bene che da Lui arriva, quello della Famiglia, a Lui tanto cara dal momento che ha deciso di darci Suo figlio proprio all’interno di quella straordinaria famiglia di Nazareth.
COME SI FA IL DIGIUNO
# 123456789101112131415161718192021222324252627282930
Digiuno1122132111
00.00 - 01.00
01.00 - 02.00
02.00 - 03.00
03.00 - 04.00
04.00 - 05.00
05.00 - 06.001
06.00 - 07.0011
07.00 - 08.0011111111
08.00 - 09.00111111111111111111111211111111
09.00 - 10.0011
10.00 - 11.00
11.00 - 12.00
12.00 - 13.00
13.00 - 14.00112
14.00 - 15.001111111
15.00 - 16.00111
16.00 - 17.00
17.00 - 18.00
18.00 - 19.00
19.00 - 20.00
20.00 - 21.001
21.00 - 22.00
22.00 - 23.0011111111111
23.00 - 00.00111

Grazie a Giovannarossetti, Angela G., Parrocchia Santa Maria Della Cella E San Martino - Genova Sampierdarena E Fraternità Gesù Sacerdote RnS - Genova, Angela Gabbianellii, Donata, Nino, Michele, Elio, Stefano, Adriana, Luigi, Enrica, Masini Stefano, Elena Dalle 22.20 Alle 23..20, GAETANA, VALERIANO, WALTER, MARIA, FRANCO, PATRIZIA,MARIA DEGIORGI,ERMANNO, INES,CLAUDIO,GRAZIA ECC.ECC., Serenella Beggiora, KATIA Geri, Giovannina Quaglia E Serena Moroni, Raffa, Faika Goličnik, 🔥Serena, Tavernelli Zena, Elena Dalle 22,20 Alle 23,20, M, Pina Buontempo, Lucia Parisi, SERENA🌹, M, Renzo, Giuseppe A. Roncalli, Giovanni Montini, Albino Luciani, Francesco Forgione, Elena Dalle 23 Del 29/2, Martini Maria Pia, Andrea Zek, Quaglia Giovannina E Serena Moroni, Prisca Vegni, Nicola Cavallini, Olori Giovannio, ND, Mario E MariaCristina, Lorenzo Roselli, Giusi Tarantino, Marco Gabrielli, @S.Boscolo@, Roberto Grieco, Claudio LMPT Vi, Anna Fiorella Amendola, Don Ermanno Roccaro, Gianni Lovicu, Fra Bonaventura Maria Degasperi FI, Maria Teresa Armanetti, Rossella Sola Amorini, Astolfo, #Guido#, Francesco Righetti, Don Luigi, Daniela D., Antongiulio, PARROCCHIA SAN LUIGI, Daniele E Agata, Agata E Daniele, Maria Letizia Serafini, G. Segre, Anna Eccelli, S Lucia, Marialuisa Bovolenta, Oriana Mitolo, Elisa E Lorenzo, Valeria Pagani, Carla Mapelli, Dario Z., BarbaraV, Faraone Laura, Maria Macagni, Giuseppe Martinelli, Tiziana Broz, Carlo E Rita, LAURA E ALBERTO, Francesco C., Giusy E Alessandro, SIMONE A., ANGELA SILVIO E STEFANO BREGONZIO, Gruppo Di Preghiera "Il Giardino Di Maria", FrancescaBarberio, Sabrina Stefanin, Simona Sardone, Manicardi Daniela, Alice Marastoni, Marta Facchetti, Michele Cervellin, Pizzolato Sabrina, Enzo Orlando, Anna Maria Nazzicone, Famiglia Del Cuore Immacolato Di Maria Cerretti, Simone Biagioli, Antonio Z., Enrico D, Erasmo Nurcis, Veronica S, Gemma Foschi, Oliver Collini, Maria Rita Marinetti, Claudia Pozzi, Sarina Macaluso, Cristian Quattrini, Bruno Gradenigo, Marina Santarrosa, Orietta E Massimo, *BOSCOLO SERENA*, Giovanni Mazzotta, Langianni Massimiliano, Nuccia Maria, Ronchi Daniele, Pierò Masini, Cristian De Nardi, Tascini Daniela, Marialuisa Mofetta, Giacinto Donvito, Paolo - Milano, Elena Mantelli, Brunella E Vittorio, M.Teresa Silvestrii, Parrocchia Santa Maria Della Cella E San Martino In Genova Sampierdarena., Alice Guizzetti, Giusy E Giovanni, Michaela Papi, Sara S., &Serena Boscolo&, Guglietta Elsa, Salvatore Emanuel, AgnP, Enza Maio, Elisabetta De Marinis, Sabri, Parrocchia Di Villa Saviola E Motteggiana (MN) Guidate Da Don Angelo Bisi, Ilaria Toni, Barbara M, Chiara L., Davide Marchi, Raffaele Vaira, *Serena Boscolo*, Francesca Caramaschi, Elvira Ed Enzo, Simone Beltrami, Simone BELTRO Beltrami, Silvia Campigli, Bea, Chiara Novelli, Barbara M., CHIARA SELVA, Simone Bellia, Patrick C., Conferenza San Vincenzo. Cingia De Bltti, Riccardo, Gabriella, Primerano Catherine, Sergia, Virginio, Moira Salvadori, Letizia Donati, GBEGNONOUDO PAULIN ALANMANOU, Sergio, Virginio, Annarita Atzori, CAMILLA CONFORTI, MiliziadellImmacolata Gruppo Lo Verde, Adr, RICCARDO E GABRIELLA, Sergio E Virginio, Nicolò, Ch, CHIARA E GRAZIA, Marco Mangiola, N, PIETRO LO MORP, Rosa Maria Gallo, Giannina Quaglia E. Serena Moroni, Gruppo "I VERI ALTERNATIVI SIAMO NOI" Di Fidenza, Carmela Da Verbania, Pucci Roberto, Mariapaola, Andrea Rognoni, Ghezzi Vittoria, Paola E Marta, Carcano Enrico, Marina Pinto, Benedetto Venco E Mariachristina Pilgaard, Fam. Bregonzio E Mauri, Giusy Abbattista, Raffaell, Nadia Simonelli, Flavjo, Mauro G, Giannina Quaglia E Moroni Serena, Stefano, Michele, Elio, Maria, Donata, Nino, Adriana, Tiziana, Luigi, @GUIDO@, Marco E Barbara, Roberto E Donata, Maurizio Ruggiero, Cri&Ale, Ale&Cri, Belluzzi Daniele E Loro Redegonda, Barbara C., Federica Briotti, L@ura, Enrico Carcani, Parrocchie Lerici E San Terenzo, Andrea Lavelli,
19651

ORE DI PREGHIERA

908

GIORNI DI DIGIUNO

138

Giorni mancanti all'inizio della discussione

6695

Persone che pregheranno

Ora, Maria, ti preghiamo perché la legge sulle cosiddette “unioni civili” non passi.

Te lo chiediamo da ora fino al giorno fissato per l’approdo in parlamento e per i giorni della discussione.

Con fiducia e insistenza ci uniamo per chiedere il tuo aiuto.

Perché la famiglia cessi di essere oggetto di gravi attacchi e trovi invece coraggiosi sostenitori e difensori che la riconoscano come il luogo del manifestarsi della bellezza della complementarità uomo-donna. Una bellezza a cui il mondo non può rinunciare. Ogni tentativo di snaturarla e deturparla fallisca.

Venga riconosciuto che solo tale unione è in grado di generare la vita nel rispetto della vita e che solo la riscoperta e la valorizzazione della differenza sessuale conduce al vero rispetto dell’altro, a relazioni armoniche, collaborative e responsabili.

Ora, Maria, ti preghiamo perché i bambini non siano considerati mai il diritto di qualcuno, ma doni prezioni, tesori unici e irripetibili da difendere sempre e comunque. Non sia negato il loro diritto a conoscere i propri genitori e a crescere con un papà e una mamma e la loro infanzia non sia violata.

Le giovani generazioni non siano ingannate con illusorie prospettive di felicità e false idee di amore che in realtà negano ciò che promettono.


Vergine potente, per questo noi ti affidiamo:


- i nostri governanti e i parlamentari che hanno il potere di fermare questa legge. Illuminali, convertili, scuoti le loro coscienze, perché non si rendano responsabili di una tale legge in grado di ferire ulteriormente questa umanità già sanguinante.

- tutti coloro che lavorano e si adoperano coscientemente per distruggere la creatura più bella da Dio creata, cioè l’uomo, il suo cuore e la sua natura. Nulla è impossibile a Dio, che vuole che il peccatore si ravveda e viva. Nessuno può resistere al tuo amore di Madre. Tocca il loro cuore perché si ravvedano e si riconcilino con Dio Padre che li attende.

- tutte le persone ingannate da false opinioni e stordite da una propaganda martellante che pensando di perseguire il bene, perpetuano questo crimine. Attirale alla Verità.

- l’intera chiesa italiana, perché non rimanga inerme di fronte a questa sfida e sappia rispondere con intelligenza. Dona a quanti tentennano il coraggio e a quanti già combattono il tuo sguardo misericordioso e la tua umiltà.

- tutte le vittime di questa ideologia, i bambini, i giovani, le persone con ferite legate all’orientamento sessuale e dell'identità. Per loro sia ogni nostro sforzo, perché non si sentano abbandonati e non raggiunti dall’amore di tuo Figlio.

Amen

SEI PRONTO AD INIZIARE?

Prenota la tua ora di guardia

I NOSTRI ALLEATI

Quella che stiamo combattendo è una lotta di Davide contro Golia, ma noi sappiamo che non è importante essere forti, bensì alleati dei più forti.
Maria, la donna più potente della terra

Per questo ci rivolgiamo a Maria, che nella sua umiltà e sottomissione a Dio, è “la donna più potente del mondo”. Ci alleiamo con lei che a Cana di Galilea strappò il primo miracolo a Gesù e nei secoli non ha mai smesso di intercedere per tutti i suoi figli presso Dio e di condurli a Cristo in tanti modi. A lei che è Regina della Famiglia affidiamo tutte le nostre famiglie e la causa della famiglia così come da sempre è nel progetto di Dio. Vergine potente, prega per noi! (LINK)

Maria, la donna più potente della terra
San Giuseppe, nostro custode

Allo stesso modo guardiamo al suo sposo, San Giuseppe, che chiamato ad essere il padre terreno di Gesù, riflette in modo singolare la paternità di Dio. A lui che in silenzio, con umiltà e saggezza, fu custode di Maria e Gesù e poi della Chiesa, affidiamo tutti i papà, le nostre famiglie e l’intera società che langue per la mancanza di padri. Padre verginale di Gesù, custodiscici! (LINK)

San Giuseppe, nostro custode
I santi, coloro che hanno già vinto

A tutti i Santi del Paradiso, che hanno già vinto la battaglia contro le potenze del male e raccolgono i frutti spirituali della loro vittoria, chiediamo di intercedere presso il Padre e di aiutarci nelle nostre lotte. I frutti delle loro vittorie ricadano anche su di noi. Santi tutti di Dio, pregate per noi! (LINK)

I santi, coloro che hanno già vinto
Anime del purgatorio

Siamo certi di poter contare anche sulle le anime del Purgatorio, che sappiamo grate per i benefici che ricevono dalle nostre preghiere e desiderose di ringraziarci con il loro aiuto. A loro, che sappiamo particolarmente sensibili alla salvezza degli uomini, perché sperimentano al vivo che cosa è un danno per l'anima e, soffrendo, compatiscono con immensa carità le nostre pene, a loro che sulla terra hanno conosciuto i pericoli e le sofferenze degli uomini, affidiamole nostre anime e questa nostra battaglia a difesa dell’uomo. Anime del purgatorio, aiutateci (LINK)

Anime del purgatorio

L'arma più potente

La preghiera
“Se due di voi sopra la terra si accorderanno per domandare qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli ve la concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro.” (Mt 18, 19-20)

Il Rosario
Il Santo Rosario è un’Arma potente. Impiegala con fiducia e ti meraviglierai del risultato
(San Josemaria Escrivà)


In più apparizioni la Madonna stessa ha indicato il Rosario come la preghiera più necessaria per il bene dell'umanità. Nell'apparizione a Lourdes del 1858, la Vergine aveva una lunga corona del Rosario al braccio. Nel 1917 a Fatima come negli ultimi anni a Medjugorje, la Madonna ha invitato e ha esortato a recitare il Rosario tutti i giorni. In un’ora c’è il tempo giusto per recitare tutti e tre i misteri: Gaudiosi, Dolorosi e Gloriosi. (Link)

Sono innumerevoli i celesti favori che si ottennero con la pratica di questa devozione. Col Rosario furono combattute le eresie, si riformarono i costumi, si allontanarono le pestilenze, si pose fine a molte guerre; Si ravvivi dunque la devozione al santo Rosario in noi e nelle nostre famiglie. Se nelle nostre case, nei nostri laboratori e scuole si farà risuonare il Rosario di Maria, abbiamo fondamento a sperare che cesseranno i flagelli, rifiorirà la fede, ricompariranno tra di noi giorni di pace e di tranquillità.
(San Giovanni Bosco)


Le Novene e le Coroncine
Si tratta di speciali preghiera che il fedele rivolge a Dio durante nove giorni consecutivi chiedendo l’intercessione particolare della Vergine Maria, di un santo patrono, degli arcangeli o degli angeli custodi.
LINK LINK

Il 23 gennaio inizia la Novena ai Santi Sposi Maria e Giuseppe
LINK

Novena a Maria che scioglie i nodi
Devozione molto cara a papa Fransceco, nata in Germania all’inizio del 1700, per una questione famigliare. I nodi sono le piccole e grandi “croci” della vita, sono i peccati, le malattie del corpo e dello spirito, le situazioni di divisione, le difficoltà ad accettare la volontà di Dio, le difficoltà nella vita quotidiana (famiglia, lavoro, relazioni personali, disagi economici e sociali, ingiustizie e umiliazioni subite, incapacità di perdonare e di amare, ecc). Durante tutta la novena si pregherà affinché un particolare nodo si sciolga.
LINK

Sacro Manto di San Giuseppe
Una particolare preghiera a S. Giuseppe, padre putativo di Gesù ed esempio per tutti i padri, sotto il suo speciale patrocinio mettiamo le nostre famiglie e la causa per la famiglia
LINK

Coroncina al Sacro Cuore di Gesù (cara a San Pio da Pietralcina)
LINK

Coroncina della divina misericordia
LINK

Preghiere per la famiglia

LA PREGHIERA DI PAPA FRANCESCO ALLA SANTA FAMIGLIA
  Gesù, Maria e Giuseppe
a voi, Santa Famiglia di Nazareth,
oggi, volgiamo lo sguardo
con ammirazione e confidenza;
in voi contempliamo
la bellezza della comunione nell’amore vero;
a voi raccomandiamo tutte le nostre famiglie,
perché si rinnovino in esse le meraviglie della grazia.

  Santa Famiglia di Nazareth,
scuola attraente del santo Vangelo:
insegnaci a imitare le tue virtù
con una saggia disciplina spirituale,
donaci lo sguardo limpido
che sa riconoscere l’opera della Provvidenza
nelle realtà quotidiane della vita.

  Santa Famiglia di Nazareth,
custode fedele del mistero della salvezza:
fa’ rinascere in noi la stima del silenzio,
rendi le nostre famiglie cenacoli di preghiera
e trasformale in piccole Chiese domestiche,
rinnova il desiderio della santità,
sostieni la nobile fatica del lavoro, dell’educazione,
dell’ascolto, della reciproca comprensione e del perdono.

  Santa Famiglia di Nazareth,
ridesta nella nostra società la consapevolezza
del carattere sacro e inviolabile della famiglia,
bene inestimabile e insostituibile.
Ogni famiglia sia dimora accogliente di bontà e di pace
per i bambini e per gli anziani,
per chi è malato e solo,
per chi è povero e bisognoso.
  Gesù, Maria e Giuseppe
voi con fiducia preghiamo, a voi con gioia ci affidiamo.

PREGHIERA PER LA FAMIGLIA DI PAPA GIOVANNI PAOLO II
Dio, dal quale proviene ogni paternità
in cielo e in terra, Padre, che sei amore e vita,
fa che ogni famiglia umana sulla terra diventi,
mediante il tuo Figlio, Gesù Cristo, "nato da donna",
e mediante lo Spirito Santo, sorgente di divina carità,
un vero santuario della vita e dell'amore
per le generazioni che sempre si rinnovano.

  Fa' che la tua grazia guidi i pensieri e le opere
dei coniugi verso il bene delle loro famiglie 
e di tutte le famiglie del mondo.

  Fa' che le giovani generazioni trovino nella famiglia
un forte sostegno per la loro umanità
e la loro crescita nella verità e nell'amore.

  Fa' che l'amore, rafforzato dalla grazia del 
sacramento del matrimonio, si dimostri più forte
di ogni debolezza e di ogni crisi,
attraverso le quali, a volte, passano le nostre famiglie.

  Fa' infine, te lo chiediamo per intercessione
della Sacra Famiglia di Nazareth,
che la Chiesa in mezzo a tutte le nazioni della terra
possa compiere fruttuosamente la sua missione
nella famiglia e mediante la famiglia.

  Tu che sei la Vita, la Verità e l'Amore,
nell'unità del Figlio e dello Spirito Santo.
Amen.

PREGHIERA A MARIA, SPOSA E MADRE
Maria sempre Vergine, 
dolce Sposa e tenera Madre, 
noi consacriamo e affidiamo al tuo Cuore Immacolato
tutte le nostre famiglie.
 Porta in esse pace, unità, amore e perdono.
Sostieni con la tua sollecitudine le famiglie in difficoltà 
e riunisci con la forza del tuo Cuore
 le famiglie divise.
Proteggi la vita nascente 
e dona la gioia della maternità
a chi la sospira.
Guida i nostri figli, 
perchè conservino la fede nel Signore
e l'affetto alla propria casa.
Soccorri chi è provato dalla malattia, 
dalla sofferenza,
dalla delusione, dalla solitudine.
Procura a tutti il lavoro e il pane quotidiano.
Sii tu la nostra forza 
nelle fatiche di ogni giorno 
e ottienici da Dio 
la grazia della Sua Benedizione
 e l'aumento della nostra fede. 
Amen.

PREGHIERA A SAN GIUSEPPE
In quest’ora tragica a te, o beato Giuseppe, ricorriamo, e fiduciosi invochiamo la tua protezione, dopo quello della tua santissima sposa. Per quel sacro vincolo di carità, che ti strinse alla Vergine Maria, Madre di Dio, e per l'amore paterno che portasti a Gesù Bambino, guarda, ti preghiamo, con occhi benigni l’umanità che Gesù Cristo riscattò col suo Sangue, e vieni in nostro aiuto.

Proteggi, o saggio custode della Sacra Famiglia, gli amati figli di Gesù Cristo: allontana da noi, o Padre amatissimo, gli errori e i vizi, che ammorbano il mondo; assistici propizio dal cielo in questa lotta col potere delle tenebre, o nostro fortissimo protettore; e come un tempo salvasti dalla morte la vita minacciata del fanciullo Gesù, così ora difendi la Chiesa di Dio e l’umanità intera dalle ostili insidie e da ogni avversità; e stendi continuamente sopra ciascuno di noi il tuo patrocinio, affinché sul tuo esempio e con il tuo aiuto, possiamo virtuosamente vivere, santamente morire e raggiungere il cielo.

PREGHIERA A GESÙ BAMBINO
O Gesù, che hai voluto farti bambino, mi avvicino a te con fiducia.
Credo che il tuo amore premuroso prevenga ogni mia necessità, e anche per l'intercessione della tua santa Madre, tu possa veramente venire incontro a ogni mia necessità, spirituale e materiale, se ti prego secondo la tua volontà.
Ti amo con tutto il cuore e con tutte le forze del mio animo.
Ti chiedo perdono se la mia debolezza mi induce al peccato.
Ripeto con il tuo vangelo Signore, se tu vuoi puoi guarirmi.
A te lascio decidere il come e il quando.
Sono disposto anche ad accettare la sofferenza, se questa è la tua volontà, ma aiutami a non indurirmi in essa, rendendola infruttuosa.
Aiutami a essere servitore fedele, e ad amare, per amor tuo, divino Bambino, il mio prossimo come me stesso.
Bambino onnipotente, ti prego con insistenza di assistermi in questo momento di particolare lotta. Donami la grazia di rimanere in te, di essere posseduto e possederti interamente, con i tuoi genitori, Maria e Giuseppe, nella lode eterna dei tuoi celesti servitori. Amen.

Preghiere per i governanti
Dio onnipotente ed eterno, nelle tue mani sono le speranze degli uomini e i diritti di ogni popolo: assisti con la tua sapienza coloro che ci governano, perché, con il tuo aiuto, promuovano su tutta la terra il rispetto della vita umana, una pace duratura, il progresso sociale e la libertà religiosa. 
Per Cristo nostro Signore.

Signore Gesù, Re del Cielo, per intercessione della Tua e nostra Madre, Regina della Pace, ti supplichiamo di illuminare le menti e i cuori dei governanti affinché operino secondo il tuo volere. Fa di loro tuoi strumenti per difendere le radici cristiane e non permettere che si chiudano nella ricerca del profitto personale, ma piuttosto ricerchino il bene della Nazione. Dona loro Saggezza e Santo Timore di Dio come ti pregò Salomone e glielo concedesti. Dona loro, e a noi, di comprendere e di vivere le tue parole: "Chi vuole essere il primo si faccia servo di tutti", affinché nel mondo Tu possa regnare nei cuori di ogni popolo. Amen

Digiuno
Il digiuno è uno strumento di santificazione che ci avvicina a Dio. Astenendoci dalle legittime soddisfazioni e dai legittimi piaceri gli diciamo che Lui è la nostra gioia e che possedendo Lui si possiede tutto. Il diguino è un’arma contro il male, perché è in questo esercizio del digiuno che si realizza la “lotta” contro lo Spirito del male”. Il digiuno è uno strumento che unito alla preghiera può deviare il corso della storia e fermare le guerre.

Per saperne di più: LINK
Il digiuno, una via verso la pace: LINK
Preghiera per il giorno di digiuno: LINK

Adorazione
Un’altra potentissima arma contro il male è l’adorazione eucaristica con cui riconosciamo chi è il vero Re della storia e Colui che solo rimedia ai mali del mondo e ai nostri peccati.

Adorare il Dio di Gesù Cristo, fattosi pane spezzato per amore, è il rimedio più valido e radicale contro le idolatrie di ieri e di oggi. Inginocchiarsi davanti all’Eucaristia è professione di libertà: chi si inchina a Gesù non può e non deve prostrarsi davanti a nessun potere terreno, per quanto forte. Noi cristiani ci inginocchiamo solo davanti al Santissimo Sacramento, perché in esso sappiamo e crediamo essere presente l’unico vero Dio, che ha creato il mondo e lo ha tanto amato da dare il suo Figlio unigenito (cfr Gv 3,16). Ci prostriamo dinanzi a un Dio che per primo si è chinato verso l’uomo, come Buon Samaritano, per soccorrerlo e ridargli vita, e si è inginocchiato davanti a noi per lavare i nostri piedi sporchi. Adorare il Corpo di Cristo vuol dire credere che lì, in quel pezzo di pane, c’è realmente Cristo, che dà vero senso alla vita, all’immenso universo come alla più piccola creatura, all’intera storia umana come alla più breve esistenza. L’adorazione è preghiera che prolunga la celebrazione e la comunione eucaristica e in cui l’anima continua a nutrirsi: si nutre di amore, di verità, di pace; si nutre di speranza, perché Colui al quale ci prostriamo non ci giudica, non ci schiaccia, ma ci libera e ci trasforma. Ecco perché radunarci, camminare, adorare ci riempie di gioia.
(Benedetto XVI)

CONTATTI

Scrivi un'email per inviare la tua testimonianza.